Prete ribelle: “Bergoglio è falso, accogliendo gli islamici nelle chiese le dissacra. Ho tutti contro, non ho paura”

CAGLIARI – “Bergoglio è falso, accogliendo i musulmani nelle chiese le si dissacrano. Non ho paura, ma so che ho contro, oltre alla falsa Chiesa, anche la massoneria”. Sono le durissime parole di don Alessandro Minutella, un prete ribelle siciliano considerato eretico dalla Chiesa bergogliana (il bue che dice cornuto all’asino ndr.) e sospeso dal vescovo di Palermo. Minutella da anni combatte contro la massoneria dentro “la chiesa falsa di Bergoglio”, per questo è stato messo all’angolo e delegittimato.

“Il vescovo di Cagliari ha scelto di accogliere l’eretico Enzo Bianchi, per lui tappeti bianchi come fosse il messia, per un prete che porta la Madonna pellegrina la scomunica”. Così don Alessandro Minutella: siciliano, indossa tonaca e collarino ecclesiastico nonostante la sospensione “ad divinis” del vescovo di Palermo. Nell’incontro a Cagliari con una cinquantina di persone all’Hotel Sardegna, il don sceglie di raccontare a Cagliari Online la sua verità. Condita da accuse ben mirate contro i piani alti della Chiesa, partendo dalla Diocesi cagliaritana: la posizione criticissima nei suoi confronti “dimostra con chiarezza che siamo in presenza di due modelli di Chiesa, uno che dice di evolversi con le cosiddette novità di Bergoglio, che sono un tradimento vistoso e palese del tradimento di fede, e l’altra che è una piccola voce, quella di don Minutella, che vuole rimanere fedele alla sana dottrina cattolica”. Roba da esperti di diritto canonico e dintorni, insomma.

Ma cosa non andrebbe in quella “mamma Chiesa” che prima l’ha formato e poi – dopo una serie di attacchi ricevuti – ha deciso di sospenderlo dal ruolo di prete? “Sostanzialmente c’è un tentativo di cambiamento di paradigmi che costituisce un palese tradimento della sacra scrittura. Sulla comunione ai divorziati e risposati Bergoglio si è fatto furbo non dicendo né sì né no, in realtà ha detto di sì, con quello che i vescovi argentini hanno affermato. Il Papa, come insegna la Chiesa, anche il Concilio vaticano secondo, con la ‘lumen gentium’ e il codice del diritto canonico, è fondamento visibile dell’unità nella carità. Lui non è il Papa, il conclave è nullo perché pilotato, tutti quelli che ne erano consapevoli sono scomunicati. Da quando c’è questo falso Papa ha di mira la distruzione dello spirito cattolico in vista di qualcosa di cui non si è ancora consapevoli”. Durante l’omelia nella saletta dell’hotel, Minutella fa anche un passaggio legato alle differenze tra cristiani cattolici e musulmani: “Oggi noi accogliamo i nostri amici musulmani in Italia, e permettiamo loro di profanare le chiese e i luoghi di culto con dei pranzi. Ci sono tante strutture che la Caritas possiede nelle varie curie diocesane, allora c’è proprio un progetto di dissacrazione dei luoghi di culto, non da parte dell’Islam ma da parte della sinagoga bergogliana”.

Frecciate e attacchi al calor bianco contro la Chiesa da parte di un prete: don Minutella ha paura? “No, ma non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire. Io sono dentro la Chiesa, chi segue Bergoglio, vescovi, cardinali, preti, laici, sono eretici e incorrono nel peccato di apostasia. Di cosa devo aver paura? Se è vero che stanno giocando in maniera onesta e trasparente, io dovrei uscire di qui tranquillamente. E invece ci sono fedeli molto preoccupati, perché evidentemente quel ‘sensus fidei’, quel fiuto che soprattutto le donne hanno di capire come stanno le cose, fa loro intendere che io non devo più restare solo”. Perché? “Perché dall’altra parte non c’è solo Bergoglio e la falsa Chiesa ma c’è la massoneria”.

Con fonte Castedduonline

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.