Titolare di buon cuore lo assume in pizzeria: giovane immigrato lo uccide a coltellate il primo giorno di lavoro

Il titolare di una pizzeria a Birmingham assume un giovane immigrato romeno per pietà. Lui lo ringrazia accoltellandolo per rapina alla fine del primo giorno di lavoro. L’uomo, ricercato nel suo paese per un altro crimine, è stato arrestato e condannato all’ergastolo.

Era stato assunto per pietà in una pizzeria. Il titolare si era messo una mano sul cuore e aveva preso un ragazzo di 22 anni come dipendente, sapendo dei suoi debiti e della sua necessità di restituire una cospicua somma di denaro. Ma nessuno si sarebbe aspettato ciò che è avvenuto dopo.

Andrew Ilie ha ucciso il suo capo al termine del primo giorno di lavoro. Masoud Esmailian aveva chiuso la giornata nella sua attività a Birmingham, ritirato l’incasso e si era anche offerto di ospitare il giovane nella sua casa. Una volta arrivati nell’abitazione, il ragazzo ha impugnato il coltello, ha ucciso l’uomo e ha rubato tutti i soldi della giornata.

Il giorno dopo ha tentato la fuga, ha preso un aereo verso la Romania dove però, ad attenderlo, c’era la polizia che lo stava ricercando per un altro crimine: una rapina effettuata nella sua patria natale. Tornanto in Inghilterra per il processo, Ilie è stato condannato all’ergastolo.

Con fonte Il Messaggero

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.