Paola Taverna: ‘I popcorn sono finiti, verranno sostituiti da confezioni di Maalox’

“Avviso importante per gli spettatori: I popcorn sono finiti, verranno sostituiti da maxi-confezioni di Maalox”.

Lo ha scritto Paola Taverna su Twitter.

Il messaggio della vicepresidente del Senato è da interpretare come replica alle dichiarazioni di Matteo Renzi, il quale dopo il fallimento della trattativa per il governo M5S-Pd avrebbe dichiarato: “Ora tocca a loro (M5S e Lega, ndr) e pop-corn per tutti”.

Il segretario reggente del Pd Maurizio Martina aveva criticato Renzi per la battuta: “Quanto a noi, al PD e alle forze di centrosinistra, dobbiamo prepararci e passare presto dalla (giusta) preoccupazione alla sfida. Alla proposta alternativa. Altro che ‘stare a guardare con i pop corn in mano’. Non scherziamo. Dobbiamo metterci presto al lavoro nella società, con ascolto e capacità di proposta. Tornare a mettere radici forti nei luoghi reali della vita delle persone. Senza accettare il loro terreno di propaganda, ma costruendo il nostro nuovo progetto per l’Italia”, aveva scritto in post pubblicato sulla propria pagina Facebook.

Nel frattempo il Pd non smette di attaccare i “vincitori” del 4 marzo.

Graziano Delrio ha dichiarato che la Lega di Matteo Salvini è “legata ai neofascismi europei”. “Lo aveva detto – riporta Il Fatto Quotidiano – giovedì a Radio Cusano Campus, lo ha ripetuto ad Agorà nel giorno del giuramento del governo Conte”.

Matteo Salvini ha risposto condividendo sulla propria pagina Facebook il link all’articolo che riporta le dichiarazioni di Delrio, corredato da una citazione di Oscar Wilde: “A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio”.

Delrio si è poi augurato che figure come quella di Giancarlo Giorgetti, neo sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con funzione di Segretario del Consiglio dei ministri, rappresentino “la nuova Lega ma un pezzo della vecchia Lega, che almeno sapeva come gestire gli interessi degli italiani”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.