Ultim’ora: Salta anche Cotarelli, si torna al voto data prevista il 29 Luglio!

ROMA – Nulla di fatto. Il premier incaricato Carlo Cottarelli ha lasciato il Palazzo del Quirinale per fare rientro alla Camera dopo un incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La lista dei ministri non è ancora definita: “Ci sono problemi”, dicono fonti del Quirinale. E a mettere in stand by il premier incaricato sarebbe il crescente pressing dei partiti per un voto a luglio. Il premier incaricato e il presidente della Repubblica si incontreranno nuovamente domani mattina.

Il voto a luglio. L’ipotesi di andare al voto addirittura prima della pausa estiva si fa sempre più consistente. E in questro caso non avrebbe senso formare un nuovo governo: a traghettare il Paese verso le elezioni potrebbe essere il governo Gentiloni. A parlare apertamente del “voto estivo” è il capogruppo al Senato, Andrea Marcucci: “Se c’è l’accordo si può fare”. Per Luigi Di Maio, capol politico dei 5 Stelle, “era più responsabile far partire il governo, ma siamo pronti ad andare al voto a luglio”. E nella riunione di oggi con i fedelissimi, Berlusconi avrebbe parlato di una “consistente ipotesi di voto a luglio”. “Siamo pronti a votare subito e vi manderemo ancora una volta a casa”, dice il capogruppo della Lega al Senato Gian Marco Centinaio.

Il lavoro di Cottarelli e il totoministri. All’ex commissario alla spending review è stata messa a disposizione per lavorare una stanza a Montecitorio, dove è arrivato a piedi ed è entrato da un ingresso laterale. L’obiettivo di Cottarelli è presentare entro venerdì il nuovo esecutivo al Parlamento per la fiducia.

L’elenco dei ministri comprende nomi di prestigio al servizio delle istituzioni, come l’economista Guido Tabellini, che occuperebbe la casella del Tesoro, il giurista Alessandro Pajno, presidente del Consiglio di Stato, Paola Severino, rettore della Luiss e già ministro della Giustizia nel governo Monti, Francesco Paolo Tronca, già commissario straordinario del Comune di Roma dopo il crollo della giunta Marino, Elisabetta Belloni, segretario generale della Farnesina e Anna Maria Tarantola, ex presidente Rai, Enrico Giovannini, già ministro del Lavoro per il governo Letta. In proposito Giovannini, intercettato dai cronisti nei pressi del Campidoglio, ha affermato: “Io nel totoministri del governo Cottarelli? Devo appunto scappare da un’altra parte, sono di fretta”.

Fonte: http://www.repubblica.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.