Migranti, Viktor Orban rinnova l’alleanza con la Polonia: “Decidiamo noi chi far entrare, non l’Ue”

 

Invasione clandestina, il presidente Viktor Orban rinnova l’alleanza con la Polonia per difendere e la civiltà e la società europea dalla minaccia islamica che, attraverso l’immigrazione di massa imposta della dittatura di Bruxelles, sta  Minacciando il vecchio continente.

Il neo rieletto premier ungherese, Viktor Orban, ha scelto Varsavia per la prima visita all’estero all’inizio del suo quarto mandato per lanciare assieme al collega polacco Mateusz Morawiecki un chiaro ancorché scontato messaggio all’Ue: no alle quote e ai ricollocamenti di profughi fra gli stati membri.

«Piena sintonia», dunque, fra la Polonia e l’Ungheria sui temi che riguardano l’Europa unita nonché le questioni bilaterali è stata espressa oggi a Varsavia dal premier polacco Mateusz Morawiecki e dal suo omologo Victor Orban, giunto da Budapest dopo la vittoria della sua formazione politica nelle recenti elezioni. «Ci unisce non solo il passato ma anche il futuro», ha detto Orban facendo riferimento allo storico sentimento di fraternità fra i due popoli, coltivato a partire dall’ottocento, nell’epoca della «primavera degli popoli».

Sulla questione dei migranti, Orban ha sottolineato la voglia del suo paese di difendere le frontiere del sud dal flusso delle nuove ondate di arrivi, mentre Morawiecki ha ribadito l’impegno del proprio governo di aiutare «sul luogo» le popolazioni colpite dalle guerre o povertà. «In questa materia per noi è fondamentale la nostra sovranità nazionale», ha aggiunto Orban spiegando la determinazione con la quale il suo paese difenda il diritto di decidere chi può essere autorizzato a restare nel suo territorio. Orban e Morawiecki hanno inoltre concordato le loro posizioni sul prossimo budget dellàUe, ovvero in difesa della politica agraria della Ue nonché i fondi di coesione. «Vogliamo una Europa forte. La regione dell’Europa centrale può dare forza all’intero Vecchio continente» ha detto Orban.

Con fonte Il Messaggero

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.