Bergoglio: “Aprire le porte ai fratelli migranti”. Ma i sacerdoti rispondono picche, solo 1 su 10 accoglie

Bergoglio, il solito disco rotto, non perde occasione di invitare ad accogliere clandestini e potenziali terroristi islamici: “Aprire le porte ai fratelli migranti”. Ma i sacerdoti rispondono picche, solo 1 su 10 accoglie”. Non tutti sostengono la sostituzione etnica del popolo italiano.

Papa Francesco ha invitato i sacerdoti di Roma ad accogliere i migranti, ma solo un prete su dieci ha risposto all’appello del pontefice argentino.

Jorge Mario Bergoglio è anche vescovo di Roma, ma nella diocesi che presiede le sue volontà non sembrano essere state rispettate a dovere. Gli appelli fatti non si contano più. Dall’inizio del pontificato ad oggi Papa Francesco ha fatto riferimento a due temi su tutti: la misericordia e l’accoglienza. Qualcuno li ha definiti “mantra”. La “Chiesa in uscita”, quella attenta più alle periferie esistenziali ed ecclesiastiche del pianeta piuttosto che al “centro”, è stata spesso tacciata di “immigrazionismo”. Il Papa non ha sentito ragione e ha continuato con la sua “linea”. L’Europa, abituata a pontificati meno pragmatici, ha spesso “alzato il tiro” su questa tematica. L’argentino venuto dai “confini del mondo” ha messo comunque al centro della sua azione la bontà dell’accoglienza.

“Aprire le porte ai nostri fratelli migranti” risuona da quasi cinque anni da piazza San Pietro. Stando a quanto si legge questa mattina su Il Tempo, però, solo trentotto parrocchie romane hanno dato la loro disponibilità ad accogliere persone provenienti da altre nazioni. Molti sacerdoti, quindi, non si sarebbero mossi. Altri avrebbero tentato, ma si sarebbero scontrati con le difficoltà dovute alla burocrazia. Gli altri soggetti dediti all’apertura delle porte sono gli istituti religiosi che operano sul territorio di Roma. Centoventuno, invece, sarebbero i migranti ospitati secondo i dati del giugno dello scorso anno riportati dal quotidiano citato.

Si consideri, poi, che le parrocchie romane risultano essere trecentotrentadue. Se questi numeri venissero confermati, in fin dei conti, emergerebbe come, nonostante gli appelli del pontefice argentino, le chiese appartenenti alla diocesi della Capitale non si siano date troppo da fare sul tema dell’accoglienza. Un altro discorso andrebbe fatto in relazione agli altri enti, come la Caritas o il Centro Astalli, che invece hanno fatto registrare statische diverse

Qualcuno, per le chiese, parla di stime al ribasso, ma il dato complessivo è stato reso noto dal Vicariato. Difficile, insomma, sostenere l’erroneità dei numeri in questione. Gli spazi sono quelli che sono. Le difficoltà sono palesi. Anche la Chiesa, nonostante le parole del pontefice, non riesce ad accogliere tutti. Così come lo stato italiano. Non c’è tanto da stupirsi. Già in passato era emerso come le parrocchie avessero “tradito” Bergoglio sull’immigrazione. Ogni parrocchia, aveva detto l’ex arcivescovo di Buenos Aires, deve accogliere almeno una famiglia di profughi. Uno dei problemi è relativo al rapporto con i fedeli: non tutti sono d’accordo con un’accoglienza senza limiti.

I sacerdoti sono dunque chiamati a modificare il “rapporto” stabilito all’interno delle parrocchie. Il rischio è che le chiese si riempiano di migranti, ma si svuotino durante le celebrazioni ecuaristiche e le altre attività parrocchiali. Aspetti che possono solo essere sussurati, la cui rilevanza, però, è sotto gli occhi di tutti. Sembra sicuro, in definitiva, che le Chiese di Roma non riescano a mettere in pratica quanto richiesto dal loro vescovo. “Accogliere tutti” resta un miraggio.

Con fonte Il Giornale

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: