Roberto Fico la nuova “Boldrina”: “Lotta al nazifascismo”. Il suo primo pensiero durante l’insediamento

SECONDA SEDUTA DELLA CAMERA PER L’ELEZIONE DEL NUOVO PRESIDENTE

 

Il grillino Roberto Fico è la nuova “Boldrina”. Il suo primo pensiero durante l’insediamento alla Camera è “il sacrifico nella lotta al nazifascismo”. Proprio come il suo predecessore, un mandato all’insegna della dittatura antifascista, l’ideologia che utilizza sistematicamente la violenza contro gli avversari politici e vomita odio contro le forze dell’ordine in piazza.

 

Roma, 24 mar – Come ampiamente prevedibile l’accordo tra centrodestra e Cinque Stelle sui presidenti di Camera e Senato ha retto. Il pentastellato Roberto Fico è stato così eletto alla presidenza della Camera con 422 voti e alla proclamazione i deputati M5S sono andati in visibilio. Matteo Dall’Osso ha gridato “Yipeee!”, mentre il centrodestra ha applaudito, insieme a qualche deputato del Pd. “Desidero innanzitutto rivolgere il saluto mio e di quest’Aula al presidente Mattarella, garante degli equilibri e dei valori costituzionali, valori che per essere affermati nella nostra Costituzione hanno richiesto il sacrifico di tanti uomini e tante donne.” Ha dichiarato Fico ricordando, nell’anniversario delle Fosse Ardeatine, “il sacrifico nella lotta al nazifascismo”. E’ ardua far rimpiangere la Boldrini, ma i pentastellati sembrano subito provarci evocando l’antifascismo.

La terza votazione per l’elezione del presidente del Senato ha poi portato all’elezione, dovuta sempre all’accordo tra centrodestra e M5S, di Maria Elisabetta Alberti Casellati, già sottosegretario alla salute del Governo Berlusconi II dal 30 dicembre 2004 al 25 aprile 2005 e del Governo Berlusconi III dal 26 aprile 2005 al 16 maggio 2006. E successivamente sottosegretario alla giustizia dal 12 maggio 2008 al 16 novembre 2011 nel governo Berlusconi IV.(Forza Italia). Si tratta della prima donna a ricoprire il ruolo di seconda carica dello Stato, grazie ai 240 voti ottenuti.

L’improbabile nome proposto dal Pd, l‘ex ministro dell’Istruzione senza laurea Valeria Fedeli, ha incassato 54. Una sola preferenza per Paolo Romani, primo nome fatto da Berlusconi per la presidenza del Senato. “Un onore e una responsabilità che sento doveroso condividere proprio con tutte le donne – ha dichiarato Casellati – che con le loro storie, azioni, esempio, impegno e coraggio hanno costruito l’ Italia di oggi; un grande Paese democratico e liberale in cui nessun obiettivo, nessun traguardo è più precluso”.

Di Alessandro Della Guglia

Con fonte Il Primato Nazionale

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: