Ex giudice confessa tutto in aula: “Così pilotavo le sentenze per denaro, frutti di mare e vacanze gratis”

Denaro, buoni per vacanze, frutti di mare: ecco alcuni esempi dei vantaggi che Oronzo Quintavalle riceveva per manipolare le sentenze

Una confessione sconvolgente quella dell’ex giudice tributario Oronzo Quintavalle, del Tribunale di Bari, che ha ammesso di aver pilotato delle sentenze per avere dei regali come vacanze gratuite ed altri vantaggi.
Denaro, dei buoni per fare delle vacanze, frutti di mare: ecco alcuni esempi dei vantaggi che Oronzo Quintavalle riceveva per cambiare le sentenze tributarie.

L’ha confermato lui stesso in aula, di fronte ai giudici del Tribunale di Bari, nel corso del processo per il quale è imputato con altre 23 persone fra cui altri giudici, commercialisti, avvocati, imprenditori, ma anche funzionari delle commissioni tributarie.
I fatti che vengono contestati ad Oronzo Quintavalle risalgono agli anni fra il 2008 ed il 2010, quando egli era il presidente della Commissione Tributaria Regionale della Puglia.

Oronzo Quintavalle venne arrestato nel 2010 e decise di collaborare con gli inquirenti. Così ha confessato di aver pilotato delle sentenze grazie ai regali che gli imputati gli facevano.
A sua volta Quintavalle, per modificare le sentenze, corrompeva i segretari delle commissioni. Come egli stesso ha dichiarato: “Riuscivo a pilotare le assegnazioni dei fascicoli rivolgendomi ai segretari delle commissioni, dando loro compensi fra i 500 e i 1.500 euro per ogni procedimento”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.