L’uomo sulla Luna, tutto finto. “Ecco la prova: cosa si vede nel riflesso del casco dell’astronauta della Nasa”

 

Le missioni della Nasa sulla Luna? Tutto finto. La tesi degli ultra-complottisti è nota da anni, a cominciare dal primo, storico sbarco nel 1969. Nonostante le testimonianze di chi sul satellite terrestre ha messo piede, da Neil Armstrong a Buzz Aldrin, gli scettici non demordono e anzi rilanciano. L’ultima “prova” a sostegno della loro tesi riguarderebbe la missione dell’Apollo 17, tre anni dopo il leggendario Apollo 11. Gli esperti hanno analizzato le immagini rese pubbliche dalla Nasa e avrebbero scoperto un dettaglio definito “sconcertante” riguardante il capo-missione Eugene Cerman: quando il 7 dicembre 1972 tocca il suolo lunare, spiegano, nel suo casco si vedrebbe riflessa la figura di un uomo “con capelli lunghi e una sorta di panciotto, secondo la moda del tempo, ma senza tuta né casco da astronauta. Insomma, tutto l’allunaggio non sarebbe altro che un set cinematografico ricreato a uso e consumo dei telespettatori per vincere la guerra spaziale-mediatica con il grande nemico, l’Unione Sovietica.

 Fonte:  http://tv.liberoquotidiano.it/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: