Fini disperato, scarica Elisabetta davanti ai giudici “Ora basta, lo confesso”: lei rovinata, lui invece…

 

Di qualche giorno fa la notizia: Gianfranco Fini ed Elisabetta Tulliani avevano deciso di presentarsi spontaneamente davanti ai pm di Roma che indagano sulla casa di Montecarlo. E così, giovedì, il fu presidente della Camera si è presentato solo al cospetto di quei giudici che lo accusano di aver riciclato in concorso con la compagna, il cognato e il suocero i soldi sottratti al fisco italiano dal “re delle slot”, Francesco Corallo.

La cosa sorprendente, però, la riferisce Il Tempo: davanti ai pm, Fini ha preso le distanze dalla compagna Elisabetta, affermando che lei ha partecipato attivamente insieme a Giancarlo Tulliani all’operazione di acquisto dell’immobile di Montecarlo. La scelta di Fini di farsi ascoltare, probabilmente, è stata dettata dai timori seguiti dall’aver ricevuto, lo scorso 10 ottobre, l’avviso di garanzia con cui la Procura lo avvertiva della conclusione delle indagini preliminari, atto che precede il rinvio a giudizio. Il primo interrogatorio di Fini risaliva allo scorso 10 aprile.

In verità, giovedì, dai pm era attesa anche la Tulliani. Che però non si è presentata. Da par suo, l’ex leader di An ha ribadito la sua estraneità alle accuse che gli vengono mosse. Ma, a sorpresa, ha di fatto ammesso di aver mentito nel precedente interrogatorio, quando affermava che la compagna non aveva preso parte in alcun modo all’operazione di acquisto dell’immobile lasciato in eredità alla contessa Colleoni e al partito. Fini, insomma, ha cambiato radicalmente la ricostruzione di quanto avvenuto. Toh che caso, ora che il cerchio si stringe spunta una nuova verità.

“Alla fine – avrebbe detto Fini sempre secondo Il Tempo – la mia compagna mi ha rivelato di aver partecipato con Giancarlo Tulliani alla compravendita della casa di Montecarlo”. Elisabetta clamorosamente scaricata, dunque…

 

Fonte:  http://www.liberoquotidiano.it/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.